10 giovani romeni che fanno grande l’Italia – Mixità

Stories03/08/201910 giovani romeni che fanno grande l’Italia

SHARE

Da anni, la comunità romena è la prima per numero di presenze in Italia, con oltre 1.200.000 residenti. Molti giovani, nati qui o arrivati in tenera età, hanno conquistato popolarità e riconoscimenti ufficiali grazie al loro talento e la loro bravura, in numerosi ambiti. Sportivi, artisti, inventori… ecco 10 ragazzi romeni che hanno fatto parlare di sé e che, in alcuni casi, rappresentano l’Italia ai più alti livelli in competizioni o eventi internazionali. Non è una lista esaustiva: segnalateci altre belle storie e le racconteremo al pubblico di Mixità!

 

1-   Alexandra Agiurgiuculese è nata a Iaşi nel 2001 e dal 1° giugno 2019 è la nuova Campionessa d’Italia 2019 di ginnastica ritmica. Vive e si allena a Udine e considera la sua vittoria “un punto di partenza, non di arrivo”. Ha iniziato la sua carriera sportiva a sei anni, presso un club della sua città natale, per poi essere notata dall’allenatrice Irina Deleanu, presidente della Federazione Romena di Ginnastica Ritmica. A nove anni ha seguito i genitori, che si sono trasferiti in Italia per lavoro e qui ha continuato ad allenarsi, per conquistare un titolo dopo l’altro, un record dopo l’altro. È la prima ginnasta italiana ad aver inventato una nuova difficoltà inserita con punteggio nelle gare internazionali ufficiali, un salto chiamato “Ag”, dal suo cognome.

 

 

 

2-   Emanuel Chirila, originario di Iaşi, è un giovane programmatore software, ha 21 anni e vive vicino ad Arezzo con la famiglia. Quando frequentava l’ultimo anno di liceo, ha progettato un casco per moto, “Blue Helmet”, in grado di trasmettere un segnale di soccorso in caso di incidente. Grazie al suo percorso e alle sue idee innovative, nel 2018 è stato inserito da Forbes Italia nella lista dei 100 Under30 “leader del futuro” nella categoria Consumer technology.  “Il progetto di salvataggio attivo di Emanuel è un importante esempio di eccellenza italiana da proteggere e valorizzare”, ha detto il 4 luglio 2019 il ministro dei trasporti Danilo Toninelli, durante un incontro con il giovane inventore romeno.

 

 

3-   Daniela Movileanu, 22 anni, scacchista, è nata a Focsani, nel distretto di Vrancea. Si è allenata con Lucio Ragonese a Frascati Scacchi diventando campionessa nelle categorie under 14 e under 16, ma ha dovuto aspettare la cittadinanza italiana per poter gareggiare per il titolo assoluto. Nel 2016, come campionessa assoluta di scacchi, ha rappresentato l’Italia alle Olimpiadi di Baku. Il suo idolo è il grande campione Bobby Fischer.

 

 

 

4-   Robert Dancs è nato a Bergamo nel 2002, da genitori romeni originari della zona di Maramures. È diventato famoso nel 2013 per aver interpretato il figlio di Checco Zalone nel film “Sole a catinelle”, film che, anche grazie a lui, ha segnato un record di incassi, superando per numero di spettatori Avatar di James Cameron. Robert è legato alla sua famiglia e alle sue origini: infatti, in occasione delle feste tradizionali, come la Pasqua ortodossa o il Martisor, fa gli auguri sui social in lingua romena, accanto ai suoi cari. Attualmente, studia presso l’Istituto Aeronautico della sua città natale.

 

5-   Emanuela Ionica è nata nel 1997 a Iaşi ed è una delle più attive doppiatrici della sua età in Italia. Tra gli altri, ha dato voce a uno dei più amati personaggi della TV: Violetta, la protagonista dell’omonima serie. Nel 2018, è stata premiata come “Miglior voce femminile – giovani” al Festival “I sassi d’oro”. Emanuela vive con la famiglia a Roma, studia anche recitazione e ha una passione per il canto.

 

6-   Roxana Ene, cantante di origine romena, ha 24 anni e vive a Roma dal 2003. Dal 2011 partecipa, come membro del coro multietnico “Quintaumentata”, a numerose esibizioni accanto a grandi artisti italiani e stranieri. Nel 2016 ha conquistato il pubblico televisivo come concorrente di “The voice of Italy”, su Rai 2. Insieme al musicista Franco Pietropaoli forma il gruppo “Roma Nostra”, un progetto  musicale che promuove un repertorio romano e romeno.

 

7-   Jasmine Butnariu ha 11 anni e vive a Latina insieme ai genitori. Da quando aveva 4 anni partecipa a vari concorsi musicali, in Italia e all’estero. L’anno scorso ha vinto il primo premio nella categoria junior al concorso “The golden voices” a Cannes (Francia).  Nel 2019 si è classificata prima nella sua sezione al concorso musicale al livello nazionale  “Uno voice”, ottenendo, oltre al trofeo, una borsa di studio. Nel 2018 ha iniziato lo studio del pianoforte e ha già partecipato a due competizioni, ottenendo il terzo posto.

 

8-   Valeria Cristea Nechita, giovane pianista romena, è nata nel 2000 ad Avellino in una famiglia di musicisti. A soli 17 anni si è diplomata con il massimo dei voti in Pianoforte al conservatorio della sua città. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero. Nel 2010 ha rappresentato per la prima volta l’Italia al Festival Europeo di Composizione di Vienna, e l’Europa al Festival Mondiale dei Giovani Compositori di Tokio.

 

9-   Georgian Cimpeanu, del team Lanzilao, classe 1993, è stato vincitore di due Medaglie d’oro al valore atletico del CONI. Ha 17 titoli nazionali di kick boxing FIKBMS. Campione europeo e tre volte campione del mondo WAKO. Ora, atleta professionista, con un record di 6 match con 5 vittorie e 1 pareggio ha conquistato il titolo italiano WAKO PRO di K-1.

 

 


10- Tra i tanti ragazzi romeni che studiano in Italia, ci sono anche molti diplomati e laureati con massimo dei voti. Di Elisa Serban, classe 1999, ci ha parlato con fierezza la sua mamma, Anna, lettrice di Mixità. Nata a Casalamaggiore, vicino a Cremona, Elisa ha fatto parlare di sé sui giornali locali nel 2018, quando si è diplomata con 100/100 al Liceo Classico. Inoltre è un’aspirante cantante e studia teatro e recitazione.


Miruna Cajvaneanu

Giornalista e blogger