Cittadinanza ai figli degli immigrati, riecco la riforma - Mixità

Info06/11/2019Cittadinanza ai figli degli immigrati, riecco la riforma

SHARE

Il nuovo governo italiano, sostenuto da una maggioranza M5S-PD, riporta all’ordine del giorno nel dibattito politico il tema della cittadinanza ai figli degli stranieri regolarmente residenti in Italia. In particolare, stavolta ci si concentra sullo ius culturae, il diritto, cioè, di diventare italiani dopo aver passato un certo numero di anni tra i banchi delle scuole d’Italia. Un’eventuale riforma, quindi, riguarderebbe almeno 800.000 giovani stranieri che oggi studiano regolarmente in Italia, e che sono in attesa di un riconoscimento da parte dello Stato.

I cittadini stranieri sono molto fiduciosi in questo governo, ma rischiano di restare delusi come accade nel 2017, quando, dopo anni di discussione, il governo di allora abbandonò la proposta di legge sullo ius soli per evitare di essere “punito” alle elezioni, che erano alle porte. In questo video vi racconto quanto c’è di vero in quello che si legge in questi giorni sulle pagine dei social e quante speranze hanno le proposte in campo di arrivare davvero in porto.

 


Soufiane Malhouni

Reporter e blogger